lunedì 30 novembre 2009

la cucina dei cuccioli: le stelline del tigrotto

per cuccioli affamati dopo una mattinata di giochi sul tappetone (e in ogni cm quadrato di casa calpestabile, e non)...un ragù speciale per condire le stelline!

le dosi sono per una decina di porzioni, potete usarle per due pranzetti di seguito e poi congelare il resto: 250 grammi di fesa di vitello macinata, 250 grammi di pomodorini, 1 carotina, 1 zucchinina, 1 patatina.
faccio bollire la carne e le verdure in mezzo litro d'acqua per un'oretta, e poi passo tutto al passaverdure coi fori grossi.
ne bastano due belle cucchiaiate per condire 30 grammi di stelline, 1 ricciolino di burro a freddo, parmigiano e un filo d'olio!

domenica 29 novembre 2009

il Tepperella cheesecake


questo dolce, che per molti è il simbolo di New York, nasce in realtà in Grecia intorno al 700 a.C., come merendona energetica per gli atleti delle olimpiadi, viene diffuso in Europa dai romani, e portato poi in America dagli immigrati.
la ricetta cambia mille volte, e tuttora ce ne sono tantissime versioni, la base resta comunque il formaggio. quale? il Philadelphia, la ricotta, il mascarpone, c'è chi ci mette la panna, chi usa la ricotta di pecora....

Tepperella lo fa così
Ingredienti: 200grammi biscotti "Digestive", 200grammi zucchero, 130grammi burro, 500grammi mascarpone, 250grammi ricotta vaccina, 4uova, 400grammi panna acida, 2 fialette aroma vaniglia, 1 cucchiaino canella, la buccia grattata di 1 limone non trattato.
ho riarrangiato la ricetta ispirandomi a quella riportata da Ruth Reichl, direttore di Gourmet Magazine a N.Y. e autrice di "Confortatemi con le mele" e "La parte più tenera" (ve ne consiglio la lettura, leggera e golosissima!)
Lei usa il Philadelphia, io ho italianizzato con mascarpone e ricotta freschi, forse con una punta di acidità in meno e più genuini. E poi aggiungo la cannella alla base, che a me piace tantissimo!


Preparazione
1. la base biscottosa: riduco in frantumi i Digestive e li mescolo in una ciotola con 50grammi di zucchero, la cannella e 120grammi di burro fuso; mescolo bene e schiaccio il composto sulla base di una tortiera tonda (diam. 25cm) imburrata e infarinata; metto in frigo a rapprendersi.
2. il ripieno formaggioso: frullo mascarpone, ricotta, uova, 100grammi di zucchero, la buccia del limone, 1 fialetta di vaniglia fino ad ottenere una crema omogenea e verso sulla base.
metto in forno già caldo a 160 gradi per 40 minuti, finchè la crema si rassoda e la superficie appare dorata.
3. la glassa: dopo la cottura, lascio la torta fuori dal forno per 15 minuti e poi la ricopro con la panna acida mescolata con 50grammi di zucchero e 1 fialetta di vaniglia.
rimetto in forno per 12 minuti, finchè la glassa appare lucida e si rassoda.
4. il topping: ne ho provati tanti: frutti di bosco e panna, frutti di bosco frullati con lo zucchero a velo, cioccolato fuso, marmellate varie.
mi sono infine soffermata su una semplicissima salsa ottenuta frullando i lamponi con lo zucchero a velo.
5. ultimo passaggio postato "postumo" grazie all'avviso di una mia sostenitrice!! La torta va fatta raffreddare nel frigo per almeno 8 ore prima di servirla! è un'attesa molto dolorosa...tendo a rimuoverla!

ne ho preparato uno speciale in versione natalizia, la pubblicherò sotto le feste!

le zucchine scrocchiarelle!


un'altra giornata passata sul tappetone a giocare con Puzzola.
appena si distrae, scappo in cucina a preparare qualcosa, e lui mi segue imperterrito e svuota tutti i cassetti, tira giù le pentole, apre la lavastoviglie...non stupitevi se ogni tanto mi esce un piatto "creativo"...

Loro sono il contorno improvvisato stasera, avevo delle zucchine, e il forno già acceso per riscaldare l'arrosto avanzato ieri.
ho tagliato le zucchine a bastoncini, le ho infarinate e disposte sulla placca del forno coperta da carta forno, le ho cosparse di pangrattato, sale, pepe e un bel giro d'olio.
in forno 180 gradi per 35/40 minuti, finchè diventano belle dorate e croccanti!

PS. se le sparpagliate bene sulla placca non serve girarle o mescolarle durante la cottura, escono perfette così, senza intervento umano!!!

i paccheri col ragù di canoce


per consolarmi di questa giornata piovosa, stamattina sono andata a comperare il mio nuovo alberello di Natale con le lucette in fibra ottica! ho comprato anche tanti addobbini!
....e dei peccaminosi cornetti burrosissimi da mangiare stasera coi salumi di Norcia e l'arrosto avanzato da ieri..

ma pensiamo intanto al pranzo.
ed è ancora mare! oggi paccheri con ragù di canoce (canocchie, pannocchie, cicale di mare, come volete).
Lesso le canoce in acqua bollente per 5 minuti, le libero della corrazza, e le sminuzzo.
preparo un soffrittino in una pentola con olio, sedano, cipolla e carota, verso le canoce tritate, bagno col vino bianco, lascio evaporare e aggiungo la polpa di pomodoro, sale pepe un pizzico di peperoncino e prezzemolo, a fuoco lento per 10 minuti, e intanto lesso la pasta!

sabato 28 novembre 2009

l'arrosto di vitello!!


per un arrosto morbidissimo ci vuole un bel pezzo di vitello, da legare e lasciar marinare per un pò.
io lo massaggio col sale (per farlo penetrare bene nelle fibre) e lo chiudo nella stagnola con aglio salvia rosmarino pepe ginepro alloro, un filo d'olio e mezo bicchiere di mersala. ce lo lascio per una mezza giornata.
quando è il momento di cucinarlo, accendo il forno a 160 gradi, e scaldo padellona sul fornello con olio e una noce di burro, ci rosolo l'arrosto da tutti i lati, girandolo con due mestoli (e non con la forchetta, il punzecchiamento fa uscire gli "umori" dalla carne...non si fa!!)
trasferisco poi la ciccia nel forno, su una teglia con carta da forno, per 1 ora, bagnandola ogni tanto col suo sugo e con un altro pò di marsala.
poi lo tiro fuori dal forno e lo lascio decantare per una ventina di minuti avvolto nella stagnola.
Ta-dà! da servire con una misticanza, o con le classiche patatine al forno, o con una ratatouille.

i bucatini scampetti e zucchine


finalmente oggi un raggio di sole! anche questo piatto sa un pò di sole, andrebbe mangiato davanti al mare, in terrazza...alla Montalbano!

per 2 persone, 400gr di scampi freschi, 3zucchine piccole, cipolla sedano e carota per il soffritto, olio evo, prezzemolo, pepe sale, 200gr bucatini

sbuccio gli scampi, li pulisco e li salto in padella con un pò d'olio e una spruzzata di vinello bianco per 5min.
taglio le zucchine a dadetti piccini, e le salto in padella con soffritto e olio per 10min, e poi riunisco scampi e zucchine nella stessa padella.
lesso i bucatini al dente, gli impadello col condimento, una saltata sul fuoco vivace, e in tavola.
da accompagnare con un bianco aromatico e fruttato, Lighea o Antilia di Donnafugata.

giovedì 26 novembre 2009

la zuppa di ceci


altro comfort food...consola e riscalda...in questa poi c'è anche il peperoncino, una bomba!
per 2 persone servono 150gr di ceci secchi, 100gr di pasta corta, 2 cucchiai passata pomodoro, 2rametti rosmarino, 1spicchio aglio, 1scalogno, 1carota, 1gambo sedano, 1dado vegetale, 1pizzico peperoncino, pepe, olio evo.

la sera prima metto i ceci in ammollo in abbondante acqua.
Ci vogliono 2 ore e mezzo per cucinare i ceci, quindi prendetevi per tempo!!
la mattina, scolo i ceci e li metto in una pentola con 1 litro e 1/2 d'acqua, il rosmarino, l'aglio, lo scalogno, la carota, il sedano, il peperoncino, e il dado, e faccio cuocere per 2 ore e mezza, rimpinguando di tanto in tanto con un pò d'acqua bolente perchè non si restringa troppo.
Quando i ceci sono cotti, ne frullo la metà con un pò del loro brodo.
Rimetto in pentola i ceci frullati, insieme a quelli lasciati interi e al brodo di cottura, aggiungo la passata di pomodoro, faccio riprendere il bollore, e butto la pasta.
Verso in una zuppiera, un bel giro d'olio e una macinata di pepe!!!

cioccomuffin a colazione - dedicato alla Ale!


Visto che alla Ale ho regalato lo stampo per fare i muffin, adesso le dedico questa ricetta, così non ha più scuse!!!

Per 6 cioccomuffin:
90gr farina
20gr cacao in polvere
50gr cioccolato fondente
80gr zucchero
90gr burro fuso
75gr latte
2 uova
2gr lievito
6 pirottini di carta per muffin colorati
1 stampo per muffin
1 metro di corda resistente

la ricetta è tratta dalla mia bibbietta dei dolci
In una ciotola, mescolo la farina col cacao setacciato e il lievito.
In un'altra ciotola, sbatto lo zucchero con le uova, aggiungo il burro fuso tiepido, e il latte tiepido.
Verso il composto sulla farina, e mescolo un pò; aggiungo il cioccolato fondente tritato grossolano, e mescolo ancora.

Dispongo i pirottini sullo stampo per muffin, li riempio col composto e inforno per 25 min a 180 gradi.
Quando, dopo 5 minuti, la casa si riempie di un irresistibile profumo di cioccolato fondente, dovrete farvi legare a doppio giro con la corda per impedirvi di buttarvi nel forno...

mercoledì 25 novembre 2009

i malloreddus con zucca e mandorline

facilissima!!
per 4persone servono 400 grammi di zucca pulita, 400 grammi di malloreddus, 150 grammi di mandorle, 1 scalogno, sale pepe noce moscata.

lesso la zucca e la frullo
intanto cuoccio i malloreddus al dente
faccio appassire lo scalogno in una padella con un filo d'olio, aggiungo le mandorle tritate, e quando sono croccanti verso nella padella anche la crema di zucca, sale pepe, una grattata di noce moscata e una noce di burro per mantecare.
condisco i malloreddus con la crema!

il polpettone con le patatine!!!


un vero comfort food!! polpettone confortami!!
il polpettone è fatto con 1/2 kilo di macinata di vitellone, 1 etto e 1/2 di prosciutto cotto, 1 etto di ricotta, 80 grammi di parmigiano grattugiato, 1 uovo, un pizzico di sale pepe e cannella.
avevo un rimasuglio di pistacchi tritati che avevo preso in Sicilia quest'estate, e ci ho messo anche quelli! ho dato la forma, una rotolata nel pangrattato, un giro d'olio, e 45 min in forno a 180 gradi.
(dopo una mezzoretta di cottura, l'ho bagnato con un bicchiere di vino bianco!)

e poi...una bella cascata di patatine croccanti, le ho tagliate a dadetti piccoli, ricopere di sale pepe salvia e rosmarino, un abbondante giro e rigiro (e ririgiro...sì, ghe ne vol tanto!!) di olio, e in forno anche loro a 180 per una mezzoretta.

domenica 22 novembre 2009

la torta di zucca e carciofi

















Anche questo è il frutto degli avanzi nel frigo!
Avevo della zucca già cotta a dadini nel forno, e dei carciofi cotti in padella, e mi sono ispirata a grandi linee a una ricetta che ricordavo di aver visto su un vecchio Sale & Pepe!
ho frullato la zucca con 200gr di panna fresca, 3 uova, parmigiano e scamorza grattugiati fino a ottenere una crema.
ho steso un rotolo di pasta brisè su una teglia tonda 25cm di diametro, vi ho posato sopra i carciofi tagliati a metà, e sopra ho versato la crema alla zucca.
in forno a 180gradi per quaranta minuti.
Buona!!!




le lasagne radicchio tardivo, scamorza, pinoli e uvetta


queste giornate grigie invitano proprio a starsene a casa a cicinare, mangiare, leggere e vedere qualche film!


...come Julie & Julia, di Nora Ephron, tratto dal'omonimo romanzo di Julie Powell, 30enne in crisi di identità ... Le sta stretto il posto dove vive, il cubicle in cui lavora come segretaria mentre aspirerebbe a fare la scrittrice, e la sua unica consolazione è cucinare!


"dopo una giornata in cui niente è sicuro, una torna a casa e sa con certezza che aggiungendo al cioccolato rossi d'uovo, zucchero e latte, l'impasto si addensa...è un tale conforto"
La svolta arriva con un libro di cucina, scritto nel 1961 da Julia Child "Mastering the Art of French Cooking": Julie crea un blog con l'impegno di provare tutte le ricette presenti nel libro in 1 anno.
Inizia il blog: 524 recipes to go, 365 days to go....e il resto è tutto da vedere!!

Mangiamoci su: in questa lasagna di stagione l'amaro del radicchio si smorza nel dolce dell'uvetta, si rinvigorisce con la sapidità della scamorza, e si stempera infine nella neutralità del pinolo.
Le lasagne sono quelle già pronte, la besciamella io la faccio bella liquida: 1litro di latte, 1etto di burro e 1etto di farina, più noce moscata sale e pepe qp (quanto piace), il radicchio lo appassisco in padella con un filo d'olio, il cipollotto, l'uvetta e i pinoli, la scamorza la taglio a fettine sottili.
Strati: pasta, besciamella, radicchio, scamorza, a ripetizione, e concludo con sola besciamella e una bella grattata di parmigiano.
Una mezoretta in forno a 180 gradi!

venerdì 20 novembre 2009

la cucina dei cuccioli: tubetti tricolore degli gnomi con crema di zucca e parmigiano


un piattino autunnale, che invoglia i bimbi per il colore arancione e il gusto dolce della zucca!
in un pentolino faccio lessare 50gr di zucca pulita a pezzettini per 15 min, raccolgo la zucca con una schiumarola, e nella stessa acqua cuoccio la pastina.
nel frattempo frullo la zucca, e poi la verso sulla pastina, insieme al parmigiano grattugiato e un filo d'olio

giovedì 19 novembre 2009

In carrozza!




...chi nn si ricorda la favolosa scena di Frankestein Junior alla stazione




Freddy: Oh mio unico amore...
Elizabeth: Taffetà caro.
Freddy: Taffetà tesorino.
Elizabeth: No, il vestito è di taffetà si sgualcisce.
Freddy: Oh.
CapoStazione: In carrozza!
Elizabeth: Lo odio quell'uomo orribile, beh vai via prima che perda ogni controllo di me stessa... Ah le unghie.


Tornando alla cucina...
Mozzarelle in carrozza!!

Facile facile
per 6 carrozzine servono: 200 gr mozzarella (meglio bufala), 3 uova, 12 fette di pane in cassetta, un pizzico di sale, tanto pangrattato, tanto olio per friggere

taglio la mozza a fette di 1/2 cm, tolgo la crosta alle fette di pane, infilo ogni fetta di mozza tra 2 di pane, schiaccio bene e immergo nelle uova battute col sale, e poi nel pangrattato

friggo friggo!

il risottino alla bresaola e Primitivo di Manduria


quando avanza della bresaolina....
soffrittino con olio e scalogno, tosto il riso finchè "canta", verso un bicchiere di vino e lascio asciugare.
continuo la cottura del riso col brodo bollente per 15 minuti, aggiungo la bresaola tritata, una macinata di pepe, manteco col burro e concludo con una grattata di parmigiano!

Vino: io ho usato il Primitivo della Manduria
Amo molto i Primitivi....

breakslow: colazione con calma...col plumcake allo yogurt


molto buono, sano e velocissimo da preparare!
l'unità di misura è l'acclamato VAS (vasetto, di yougurt)

Ingredienti:
3 uova
1 VAS di yogurt
1 VAS di olio evo
2 VAS di zucchero di canna
3 VAS di farina
1/2 bustina di lievito per dolci
un pizzico di sale

terrina n.1
sbatto le uova
aggiungo lo yogurt e sbatto ancora
verso l'olio e sbatto
aggiungo lo zucchero e continuo a sbattere

terrina n.2
mescolo farina, lievito e sale

passandolo con un settaccio, mischio il composto di farina agli ingredienti della terrina n.1



ecco!
si versa il tutto in uno stampo da plumcake imburrato, o rivestito con carta da forno bagnata e strizzata!
50 minuti in forno a 160 ed è pronto!

la cucina dei cuccioli: gemmine cotto e piselli


un piatto unico per giovani scalmanati che hanno tanto bisogno di energia e poco tempo da passare sul seggiolone!!
molto veloce anche per la mamma! si lessano 30 grammi di piselli (se non è stagione vanno benissimo i pisellini surgelati) e poi si frullano con iun pò di acqua di cottura per ottenere una cremina morbida. si cuoc la pastina, e si condisce con la crema di piselli, 20 grammi di prosciutto cotto tritato, una bella grattata di parmigiano e un filo di olio extra vergine d'oliva!
cuccioli, a tavola!!

mercoledì 18 novembre 2009

il tortino ceciolone


Mi osservavano dal frigo, nell'ordine: dei ceci già ammollati e cotti (saranno stati 300 grammi circa), della catalogna già lessata (300 gr), e dei broccoli crudi (500 gr)...
cotti i broccoli al vapore, ho frullato tutto, e ci ho aggiunto 250 gr di ricotta di pecora, 3 uova, sale, pepe, una grattata di noce moscata e una manciata di timo secco.
tutto in uno stampo tondo con carta da forno bagnata e strizzata.
in forno a 200 gradi per mezzoretta
da servire tiepido con una bella insalatina d'inverno, preparata con finocchi, gherigli di noci e una goccia di balsamico.