lunedì 8 febbraio 2010

la quiche di carciofi e robiola


qui bisogna mettersi seriamente a tavolino.
sì perchè se il lavoro non arriva, bisogna in qualche modo andarselo a prendere!
io e un pò d'amiche per diversi motivi abbiamo perso il lavoro negli ultimi anni, e non è facile ritrovarlo!
e qualcosa mi dice che con la crisi che c'è, la vecchia tecnica del cv alle aziende non funziona più!!!
quindi è partita da un pò un'ondata di Grande Revisione (da ora in poi GR), su quel che si è fatto prima, su quel che si sarebbe dovuto, su quel che si farebbe forse ancora in tempo...

a parte che - parliamone - quando hai un pò più di tempo per pensare, la GR investe impietosa tutto il tuo vissuto, pensi che avresti fatto un'altra scuola superiore (infatti mi sono ricordata che io volevo fare l'Artistico, non il Classico! cos'è successo??), che hai cannato anche l'Università, che avresti fatto un soggiorno all'estero che non hai fatto, e via andare con le varie esperienze lavorative e di vita in generale.
e la GR quando comincia vuole andare fino in fondo!

comunque, tanto il passato è andato quindi concentriamo le revisioni sul futuro.
e quando ci si trova con le amiche slavorate, parte il brainstorming sul Cosa ci potremmo inventare.
esce di tutto. perchè non mettiamo su una società di catering? no, dai, un asilo nido! un banchetto di piadine al mare!
io ci sto pensando. ho tante idee, un paio in particolare....vi farò sapere!!

intanto una quiche con la sfoglia fatta in casa, l'ho preparata per la mamma mentre ero a Venezia!

per la sfoglia vedi qui
per il ripieno:
15 carciofini
250grammi robiola
50grammi parmigiano grattugiato
2uova più un tuorlo
1limone
1spicchio aglio
1rametto maggiorana
1cucchiaio olio evo
pizzico sale, pepe

taglio i carciofi a tocchettini e li pongo in una baccinella d'acqua acidulata col succo del limone
li asciugo e li cuoccio in una pentola dove ho prima dorato uno spicchio d'aglio con un cucchiaio d'olio evo, porto a cottura e lascio freddare.

intanto sbatto le uova con il parmigiano e un pizzico di sale e pepe, aggiungo la robiola e le foglie di maggiorana. mischio il composto con 2/3 dei carciofi.

stendo la sfoglia su uno stampo per torte diametro 22-25cm.
verso il composto di uova formaggio e carciofi, e sopra i restanti carciofi.
ripiego la pasta sopra il ripieno, spennello con un tuorlo sbattuto e inforno a 160gradi per una mezzoretta!

4 commenti:

  1. Che la GR porti bene...sicuramente sei una tipa talmente in gamba e con carattere che riesci in ciò che ti prefiggi!:)

    cmq...lo sai che mia mamma ha la stessa tovaglia!!!!! identica!!!! giuro!!!!
    Bona sta quiche vecia mia!!! :)))

    RispondiElimina
  2. ma che buona questa quiche!! io ho un debole per i carciofi!

    RispondiElimina
  3. il tuo blog mi piace...e così ti seguirò!
    se ti và vieni a sbirciare il mio http://farinalievitoefantasia.blogspot.com/

    RispondiElimina
  4. deliziosa! Hai ragione meglio guardare al futuro, e poi è grazie al passato che siamo ciò che siamo no, quindi è anche giusto e bello che sia andata così! Un saluto

    RispondiElimina